Verso il Giubileo d'Oro del RCC

Il Giubileo d'Oro del RCC

Una Nuova Pentecoste per una Nuova Evangelizzazione!

 

Proposta di una visione di ampio sguardo per creare comunione nella famiglia carismatica mondiale

 

Nel 2017 celebreremo il 50o Anniversario del RCC a Roma. 

 

È con questo spirito che l’ICCRS vuole incoraggiare le realtà carismatiche di ogni nazione a incamminarsi verso il Giubileo d’Oro in modo particolare in funzione di questa visione, e di prepararsi fin da questo momento per celebrarlo insieme nella Città Eterna!

 

Tra le sfide che il Rinnovamento si troverà di fronte nei prossimi anni, la necessità di crescere, in molti modi, è quella che non possiamo far attendere:

  • crescere numericamente 

 

  • crescere nell’influenzare il mondo

 

  • crescere nella nostra identità “carismatica” e

 

  • crescere nella nostra maturità.

 

Scarica la Brochure

 


PAROLE DEI PAPI

Paolo VI 

«Nulla è più necessario in questo mondo, sempre più secolarizzato, che la testimonianza di questo “rinnovamento spirituale”, che noi vediamo suscitato dallo Spirito Santo nelle regioni e nei luoghi più diversi. Le manifestazioni sono le più varie: comunione profonda delle anime, unione intima con Dio nella fedeltà agli impegni presi con il battesimo, una preghiera comunitaria, dove ciascuno si esprime liberamente, aiutato, sostenuto, nutrito dalla preghiera degli altri e, alla base di tutto, una convinzione personale che non ha la sua sorgente solo nell’insegnamento ricevuto per fede, ma anche in una certa esperienza vissuta, che sa che, senza Dio, l’uomo non può fare nulla, che con lui, invece, tutto diventa possibile. […] Come allora non considerare questo “rinnovamento spirituale” una “chance” per la Chiesa e per il mondo? E come, in questo caso, non fare tutto il possibile per assicurarci che rimanga tale?»

Discorso del Papa Paolo VI ai partecipanti al secondo Congresso Internazionale dei Leader del Rinnovamento Carismatico Roma il 19 Maggio 1975


S. Giovanni Paolo II

Il movimento carismatico cattolico è uno dei tanti frutti del Concilio Vaticano II che, quasi nuova Pentecoste, ha suscitato nella vita della Chiesa una straordinaria fioritura di aggregazioni e movimenti, particolarmente sensibili all'azione dello Spirito. Come non rendere grazie per i preziosi frutti spirituali che il Rinnovamento ha generato nella vita della Chiesa e nella vita di tante persone? Quanti fedeli laici - uomini e donne, giovani, adulti e anziani - hanno potuto sperimentare nella propria vita la stupefacente potenza dello Spirito e dei suoi doni! Quante persone hanno riscoperto la fede, il gusto della preghiera, la forza e la bellezza della Parola di Dio, traducendo tutto ciò in un generoso servizio alla missione della Chiesa! Quante vite cambiate in profondità! Per tutto questo oggi, insieme a voi, voglio lodare e ringraziare lo Spirito Santo.

Discorso del Santo Padre Giovanni Paolo II ai responsabili nazionali (Italia) del Rinnovamento nello Spirito Santo, 4 aprile 1998

 

Benedetto XVI

Come ho avuto già modo di affermare in altre circostanze, i Movimenti ecclesiali e le Nuove Comunità, fioriti dopo il Concilio Vaticano II, costituiscono un singolare dono del Signore ed una risorsa preziosa per la vita della Chiesa. Essi vanno accolti con fiducia e valorizzati nei loro diversi contributi da porre a servizio dell’utilità comune in modo ordinato e fecondo.

Di grande interesse è poi l’attuale vostra riflessione sulla centralità di Cristo nella predicazione, come pure sull’importanza dei “Carismi nella vita della Chiesa particolare”, con riferimento alla teologia paolina, al Nuovo Testamento e all'esperienza del Rinnovamento Carismatico. Ciò che apprendiamo nel Nuovo Testamento sui carismi, che apparvero come segni visibili della venuta dello Spirito Santo, non è un evento storico del passato, ma realtà sempre viva: è lo stesso divino Spirito, anima della Chiesa, ad agire in essa in ogni epoca, e questi suoi misteriosi ed efficaci interventi si manifestano in questo nostro tempo in maniera provvidenziale.

I Movimenti e le Nuove Comunità sono come delle irruzioni dello Spirito Santo nella Chiesa e nella società contemporanea. Possiamo allora ben dire che uno degli elementi e degli aspetti positivi delle Comunità del Rinnovamento Carismatico Cattolico è proprio il rilievo che in esse rivestono i carismi o doni dello Spirito Santo e loro merito è averne richiamato nella Chiesa l’attualità.

Discorso del Santo Padre Benedetto XVI ai partecipanti alla XIII Conferenza Internazionale della «Catholic Fraternity
of Charismatic Covenant Communities and Fellowship » Basilica Vaticana, Venerdì, 31 ottobre 2008


Francesco

«Voi siete nati da una volontà dello Spirito Santo come “una corrente di grazia nella Chiesa e per la Chiesa”. Questa è la vostra definizione: una corrente di grazia. [...] Avete ricevuto il grande dono della diversità dei carismi, la diversità che porta all’armonia dello Spirito Santo, al servizio della Chiesa. [...] Il Rinnovamento Carismatico è una grande forza al servizio dell’annuncio del Vangelo, nella gioia dello Spirito Santo. [...] Voi, popolo di Dio, popolo del Rinnovamento Carismatico, state attenti a non perdere la libertà che lo Spirito Santo ci ha donato! [...] Aspetto da voi che condividiate con tutti, nella Chiesa, la grazia del Battesimo nello Spirito Santo (espressione che si legge negli Atti degli Apostoli).»

Messaggio di Papa Francesco al RCC durante la 37a Convocazione del RnS Stadio Olimpico · Roma, Italia 1° giugno 2014

 



Twitter Facebook Email Print
© 2015 ICCRS. All Rights Reserved.